Purtroppo, attualmente ci sono problemi tecnici con le nostre registrazioni. Stiamo già lavorando a una soluzione.

Purtroppo, attualmente ci sono problemi tecnici con le nostre registrazioni. Stiamo già lavorando a una soluzione.

Purtroppo, attualmente ci sono problemi tecnici con le nostre registrazioni. Stiamo già lavorando a una soluzione.

MAKKABI ACCOGLIE CON FAVORE IL SEGNO DEL TRIBUNALE SPORTIVO DI BERLINO CONTRO L'ANTISEMITISMO

MAKKABI Germania Notizie

Il 13 novembre 2022, i sostenitori del TuS Makkabi Berlin sono stati attaccati con antisemitismo durante una partita di calcio contro il CFC Hertha 06. Purtroppo, gli incidenti non sono casi isolati: le società sportive ebraiche sono ripetutamente colpite da insulti e odio aperto da parte di giocatori, supervisori o spettatori. 

Alla partita del campionato distrettuale, un giocatore dell'Hertha 06 ha minacciato di dare fuoco a una bandiera israeliana e ha accusato l'arbitro di essere stato "comprato dagli ebrei". Un altro giocatore ha fatto più volte il saluto hitleriano in direzione degli spettatori del Maccabi. L'arbitro ha mostrato il cartellino rosso e ha fatto un rapporto dettagliato degli incidenti.

In questo caso, c'è stata un'udienza davanti al tribunale sportivo della Federcalcio di Berlino, in particolare a causa della relazione inequivocabile dell'arbitro. Il club è stato multato di 1500 euro; i due autori sono stati squalificati per 2 anni.

Alon Meyer: “MAKKABI Germany accoglie con favore il chiaro segnale contro l'antisemitismo dopo gli incidenti alla partita tra TuS Makkabi Berlin e CFC Hertha 06. Sfortunatamente, abbiamo dovuto osservare la banalizzazione da parte dei tribunali sportivi in ​​simili incidenti antisemiti in passato . Ora speriamo che i tribunali sportivi si posizionino ancora più fortemente contro qualsiasi antisemitismo in futuro e lo sanzionino”.

La consapevolezza della situazione da parte dell'arbitro dimostra quanto siano importanti la sensibilizzazione e la prevenzione per poter contrastare con decisione l'antisemitismo e la discriminazione nello sport. Costituiscono la base per un trattamento differenziato e sanzionatorio.  

Ma non solo gli arbitri possono segnalare incidenti. Ogni individuo può contribuire a rendere i nostri campi sportivi un luogo di unione - senza discriminazione e odio.

Ti è piaciuto questo post?
Allora condividilo con i tuoi amici!

Facebook
Email
WhatsApp
Telegramma
de German
X